Centro per la Raccolta delle Voci e Leggende Contemporanee (CeRaVoLC) - 2018

                     EVENTI

Un esempio significativo di partecipazione del nostro Centro a congressi di studio è

costituito dal Convegno internazionale "Voci, bufale e leggende

metropolitane nell'era di Internet", tenutosi a Torino il 6-7 novembre

2004 presso il Centro congressi "Torino Incontra" e organizzato in modo congiunto

dal CeRaVoLC e dal CICAP.

Patrocinato dalla rivista Focus, dal Comune di Torino e dalla Regione

Piemonte, si trattò di una prima assoluta per l'italia ed ebbe natura molteplice: 

convegno scientifico in cui presentare i risultati delle proprie ricerche, convention

di appassionati ed evento divulgativo per il pubblico generale.

Esso costituì la presa di contatto fra il CeRaVoLC e il massimo esponente della

"prima generazione" di studiosi delle leggende contemporanee, l'americano

Jan Harold Brunvand, l'occasione per confermare la collaborazione con la  prof.ssa Laura Bonato, dell'Università di Torino e con  Jean-Bruno Renard,  dell'Università di Montpellier, ad esempio col divulgatore informatico e cacciatore di

bufale, Paolo Attivissimo e con tanti altri,  dall'antropologo Marino Niola,   dell'Università di Napoli, allo storico Cesare Bermani, all'illusionista mentalista e  studioso di storia della magia Mariano Tomatis, e così via...

Nel settembre 2006, poi, il CeRaVoLC ha partecipato con una postazione interattiva alla "Notte dei Ricercatori" presso la Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali dell'Università del Piemonte Orientale, ad Alessandria. In quell'occasione sono stati presentati alcuni poster fra i quali "Tecno-paure e cortocircuito dell’informazione" sul fiorire delle paure sull'elettronica e l'ingegneristica e somministrati ai visitatori questionari conoscitivi sulla diffusione delle più note leggende.

L'altro versante della nostra attività, insieme alla ricerca e agli incontri fra "addetti ai lavori" - professionisti o seri dilettanti - è costituito dalla divulgazione e dal rapporto coi media. 

Un esempio di questo genere è la pagina (qui sotto) che il quotidiano  La Stampa ci ha dedicato il 15 settembre 2010 in occasione della mostra organizzata dal CeRaVoLC al Museo etnografico "C'era  una volta" di Alessandria per i primi vent'anni della nostra attività. Qui a destra, un esempio degli allestimenti di quell'evento. 

                                                                                            

 

                                                                                                   

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Informare, fare da consulenti per i mezzi di comunicazione,

 fornire strumenti di ragionamento razionale senza disprezzare chi aderisce a una credenza priva di basi concrete, suscitare interesse nel pubblico generale e nei professionisti delle più varie discipline. Questi alcuni degli obiettivi del nostro rapporto con il mondo dell'informazione e della comunicazione.

                                                                                                                   

                                                                                                        In parecchie occasioni le opere librarie di Paolo sono state 

                                                                                                        recensite dai quotidiani. Qui sotto, l'edizione di Alessandria de

                                                                                                         "La  Stampa" del 28 giugno 1994 presenta la partecipazione                                                                                                               su Canale 5, al "Maurizio Costanzo Show".

 

 

Di seguito, altri due esempi apparsi in occasione dell'uscita di Storie di ordinaria falsità: "La Provincia"  di Cremona del 6 marzo 1996 e "Novara Oggi" del 12 maggio dello stesso anno.                               

 

 

 

 

                                                                                A sinistra un caso più recente: la mostra sulle leggende moderne su                                                                                     cibo  alimentazione inaugurata al Museo etnografico di Alessandria il                                                                                   18 settembre 2015, presentata dall'edizione alessandrina de "La Stampa"

                                                                                         del giorno precedente.